Posts Tagged ‘Ostia’

Prima comunione

11 ottobre 2012

AlfredoTamisari

Scrive Alfredo Tamisari:

Ho ritrovato questo cartoncino nello scatolone di mia madre. Lo aveva conservato assieme a tante vecchie fotografie. Mi fu consegnato dal sacerdote il 12 aprile 1951, dopo la prima Comunione.
Un mese prima, mio padre aveva cominciato la lavorazione del completo (giacca e pantaloncini corti) da indossare nel giorno solenne.
Aveva pazientemente scucito un suo vestito di grisaglia e con la stoffa rivoltata confezionò il mio. Me lo provò tre volte (così allora facevano i sarti): alla terza prova, davanti allo specchio a tre ante, verificò che tutto “cadesse a pennello”, poi tolse le ultime imbastiture e lo stirò. Era la prima volta che indossavo una giacca: mi sentivo grande.
La mattina, a digiuno, fui accompagnato in chiesa. Il sacerdote e le suore ci raccomandarono subito la compostezza, il silenzio e le mani giunte. Mi chiedevo che cosa sarebbe successo poco dopo, quando Gesù sarebbe entrato in me. L’ostia – ci avevano più volte avvertito – non va masticata, essa contiene “realmente” il corpo di Gesù. Pensavo a una magia. L’ostia mi si attaccò al palato, ma non la toccai con la lingua, la lasciai sciogliere lentamente.
Ricordo che la paura di far male a Gesù masticando inavvertitamente l’ostia mi accompagnò per lungo tempo.